La Cooperativa AGRI-COOP ALTO GARDA VERDE

è stata costituita nel 1978

La costituzione di una realtà cooperativistica rivolta al settore agricolo fu motivata dalle esigenze occupazionali, ma più profondamente dal forte legame dei soci fondatori con le gloriose tradizioni agricole dell’Alto Garda Bresciano, che sognavano, nello slancio giovanile dell’intrapresa, di valorizzare e riaffermare con forza.

La storia degli anni successivi alla costituzione, rivela quale adattamento e flessibilità la Cooperativa ha dovuto mettere in atto per salvaguardare i livelli occupazionali e nel contempo non tradire la vocazione iniziale.

La valorizzazione della cultura olivicola mediante l’attività vivaistica di riproduzione di numerose varietà di olivi (soprattutto autoctone) rappresenta all’interno della Cooperativa il momento di più alta fedeltà alla matrice agricola più profonda, così pure la gestione dell’antica limonaia del "Prà de la Fam" ne conferma la vocazione di difesa del mondo agricolo del passato, riscoprendone gli stimoli vivificatori del presente e per non seppellire nel futuro una tradizione orgogliosamente collegata alle vicende più belle di questi luoghi.

La sfida sempre latente nell’operare di questa nostra struttura è legata all’esigenza di fare attività imprenditoriale, e quindi di reddito, senza tradire le più corrette esigenze di valorizzazione e rispetto che il territorio in cui si opera impone.

Il positivo risultato ottenuto nel far coesistere interessi facilmente divergenti ha generato nel corso degli anni un ulteriore tentativo di far conciliare interessi ancora una volta, secondo l’opinione, inconciliabili: riuscire ad inserire nella nostra tipologia di lavoro soggetti che con esso non possono attivare un rapporto ordinario, almeno nella fase propedeutica. Si è infatti avviata l’esperienza che oggi ci vede consolidati in Cooperativa Sociale Agricola, abilitata cioè all’inserimento convenzionato di soggetti in difficoltà (ex tossicodipendenti, semi liberi, alcoolisti in trattamento, disadattati ecc.).

La Cooperativa inoltre opera nella progettazione, realizzazione, manutenzione del verde pubblico, privato e sportivo.

Tecnici, consulenti, manodopera specializzata unita ad un notevole parco macchine consentono alla Cooperativa di eseguire lavori quali ad esempio potature di alberature cittadine, idro semine, impianti di irrigazione e lavori di ingegneria naturalistica.

Un cantiere mobile per lo smaltimento di rifiuti vegetali e urbani è a disposizione per le esigenze di Comuni ed Enti Pubblici.

A Bogliaco di Gargnano sulle colline della sponda occidentale del Lago di Garda, abbiamo costruito tra le terrazze di una limonaia le nostre serre dove riproduciamo piante di olivo tipiche gardesane da piante madri locali quali la Casaliva, Gargnà, Rasa, Miniol, Leccino e Frantoio.

L’auspicio è quello di incontrare ancora realtà sensibili ed aperte all’interesse per i nostri "prodotti" di lavoro, sia che si tratti della valorizzazione delle colture agricole tradizionali quali appunto la difesa della coltura dell’olivo oppure degli interventi a favore del territorio, nonché dell’inserimento lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione.

Brevi cenni storici e paesaggistici dell'alto garda bresciano

Il limone sembra sia stato introdotto sulla riviera del Garda da alcuni frati francescani nel XIII secolo.

Lungo la gardesana che da Salò porta fino a Riva del Garda si possono notare le lunghe e caratteristiche file di pilastri in muratura allineati in ripiani: sono i resti delle limonaie dove nei secoli scorsi veniva coltivato il frutto decantato anche da Goethe "Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni, nel verde fogliame splendono arance d’oro, un lieve vento spira dal cielo azzurro…"

Sui pilastri, oggi cadenti, i contadini stendevano d’inverno una fila di travi in legno su cui venivano montate delle vetrate per far passare la luce del sole. In questo modo venivano create delle rozze, ma efficaci serre che servivano nei periodi più freddi dell'anno a riparare le coltivazioni dei limoni da eventuali gelate notturne.

Nel periodo di massima espansione della coltura degli agrumi (dal ‘500 al 1870) le limonaie furono un’attività economica redditizia per i gardesani ed in particolare di Gargnano dove si trovava il 70 per cento delle limonaie del Garda Bresciano. Il solo paese produceva nella metà dell’ ‘800 circa 4-5 milioni di limoni l’anno.

Nel 1840, per coordinare il commercio di tutti i coltivatori del lago venne appositamente costituita la "Società Lago di Garda" con sede a Gargnano che provvedeva a far arrivare i frutti del nostro territorio sui mercati dell’Austria, dell’Ungheria, della Polonia e persino della Russia.

Inverni particolarmente freddi e malattie decretarono dalla fine dell’Ottocento la fine delle produzioni di cedri e limoni.

Attualmente sono ormai pochissime le limonaie ancora in funzione: quella al Prà de la fam (tra Gargnano e Tignale adiacente la gardesana) dove la locale Comunità Montana ha cercato di ricostruirla com’era in passato, affidando il restauro, la cura e la manutenzione all ‘ Agri-Coop Alto Garda Verde.

 

 

Orari d'apertura Limonaia
Dal 07 Aprile al 10 Ottobre 2012
Tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Visita guidata con degustazione
Dall'11.04.2012 al 10.10.2012 ogni Mercoledì alle 17.00
Dal 06.07.2012 al 31.08.2012 ogni Venerdì alle 11.00

Entrata
1€
Bambini sotto i 3 anni gratis

 

 

Altre testimonianze di questo genere le possiamo trovare a Gargnano, mantenute in vita per diletto e passione dai Sig. Gandossi Giuseppe, Bertanza Franco e Trevisani Lorenzo.

l territorio della sponda occidentale del Lago di Garda, come del resto anche la costa trentina e veronese è caratterizzato sulla costa da insediamenti urbani dove vengono agglomerate attività sociali ed economiche di diversa natura.

Nell’entroterra troviamo invece insediamenti tipicamente rurali che caratterizzano le aree collinari e montane, espressioni di agricoltura frazionata in tante piccole proprietà.

Due mondi estremamente diversi, che anche il turismo, attratto dai fattori climatici del lago, ha contribuito a differenziare oltremodo già ad inizio secolo con la creazione di stazioni di soggiorno di livello internazionale come a Riva, Gardone Riviera, Salò e Desenzano .

Uno degli elementi che contribuiscono a rendere la sponda bresciana del Lago di Garda meta di turisti stranieri (specialmente tedeschi) è la vegetazione mediterranea che favorita dal clima lacustre rende caratteristici i tratti collinari e costieri.

Tipici della zona sono l’Olivo, il Lauro, l ’ Oleandro, il Cipresso, le piante di agrumi (limoni e aranci amari), il Rosmarino.

Altre specie tipicamente esotiche, quali Palme e Bouganvillea contribuiscono a rendere ancora più pittoresco il paesaggio, non dimenticando pure altre specie quali il Cappero ed il Fico che crescono spontanei nei tratti rocciosi o incolti.

 

                                    INDIETRO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Home

 Presentazione

 Sociale

 Dove Siamo

 Servizi

 Dicono Di Noi

 Vivaio

 Parco Macchine

 Contatti

 

                            Alcuni soci Agri-Coop nel 1980

 

 

 

 

                            Limonaia "Prà de la Fam"

 

 

            

              Interno della limonaia ristrutturata negli anni '80

 

 

 

                   La limonaia sfondo della 59° centomiglia